Comune di Trieste


torna alla homepage


Sala del Consiglio Comunale: inaugurate
le nuove dotazioni tecnologiche


Inaugurate le nuove dotazioni tecnologiche in Sala del Consiglio comunale venerdì 1 marzo durante una conferenza stampa.

Sono intervenuti il sindaco Roberto Dipiazza, il presidente del Consiglio comunale Francesco di Paola Panteca, il consigliere comunale Alberto Polacco (in rappresentanza dell'assessore alle Politiche dei Servizi Generali Sandra Savino), il direttore del Dipartimento Innovazione e Servizi Generali Lorenzo Bandelli, la dirigente del Servizio Trasformazione Digitale Giannina Ceschin, la responsabile della P.O. “Attività Organi Istituzionali” Fabiana Andriani.

Ha dichiarato il sindaco Roberto Dipiazza: “L'Amministrazione comunale ha investito 140.000 euro per rinnovare l'impianto tecnologico di questa Sala. Tale investimento non solo consentirà maggiori efficienza e tempestività nelle operazioni d'aula, ma aumenterà anche la trasparenza nei confronti dei cittadini, dal momento che chi ci guarderà in streaming saprà chi parla, grazie alle apposite scritte con nomi e cognomi che appariranno in sovraimpressione durante gli interventi. Queste misure rendono la Sala del Consiglio comunale di Trieste una tra le più innovative d'Italia. Esprimo soddisfazione e ringrazio tutti coloro che hanno realizzato il progetto”.

Ha affermato il presidente del Consiglio comunale Francesco di Paola Panteca: “Ringrazio tutto il personale del Comune, gli organi istituzionali e il sindaco Roberto Dipiazza che più di tutti ha fortemente voluto questa progettazione, per renderci più efficienti e vicini, sia ai cittadini sia ai consiglieri comunali. Le novità che presentiamo oggi sono molte e nascono dall'esigenza avvertita durante la pandemia di integrare con il supporto della tecnologia le sedute d'aula”.

Il consigliere comunale Alberto Polacco ha portato i saluti dell'assessore Sandra Savino e ha sottolineato che la Sala del Consiglio comunale è la casa di tutti i triestini.

Durante la conferenza stampa, è emerso che l'ammodernamento delle apparecchiature è consistito in: sostituzione degli impianti microfonici; installazione di 3 videocamere ad alta definizione e 3 monitor di grandi dimensioni; aggiornamento dei server per favorire la partecipazione cittadina alla trasmissione online delle sedute. Il tutto è stato eseguito minimizzando gli interventi sugli arredi della Sala, che è sottoposta a vincoli di tutela dei beni culturali.

Il maggior valore aggiunto è inoltre apportato nella parte software, che supporterà i dipendenti comunali durante la gestione di interventi, votazioni e ordine del giorno delle sedute in corso. In più, consentirà di trascrivere molto agevolmente le stesse sedute ed etichettare gli interventi, che saranno immediatamente fruibili grazie a un apposito box di ricerca, anche in un'ottica di archiviazione.

L’obiettivo dell'intervento è duplice: rispondere alle nuove esigenze funzionali del Consiglio e avere a disposizione una Sala attrezzata dal punto di vista multimediale per conferenze, presentazioni e simili eventi. Il nuovo sistema tecnologico (al cui utilizzo la formazione del personale è in avvio) risponde ai temi di tracciabilità, sicurezza e protezione dati personali: tutte le informazioni saranno salvate in cloud certificato dall’Agenzia Nazionale per la Cybersecurity.

Novità anche per la Sala Giunta, cui è stato destinato un carrello attrezzato per le attività multimediali, le quali risulteranno così adeguatamente supportate dal punto di vista tecnologico senza necessità di intervenire sugli arredi della stanza, a sua volta sottoposta ai vincoli di tutela dei beni culturali.

Superata la fase pandemica, il Comune di Trieste ha in questo modo colto le opportunità offerte dalla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

Al termine della conferenza stampa è stato riprodotto l'Inno di Mameli.


[home page] [lo staff] [meteo]