Comune di Trieste


torna alla homepage


Terminata la fase di ascolto della
piattaforma partecipativa del Comune di Trieste
per la riqualificazione di Barcola


“Lo scorso lunedì 15 gennaio è terminata la fase di ascolto dei cittadini sulla piattaforma partecipativa per la riqualificazione di Barcola legata al progetto Co.Re. Devo dire che il risultato è stato veramente molto soddisfacente, in considerazione della completezza del questionario che, a differenza dei sondaggi, ha permesso ai cittadini di esprimere i propri idee e suggerimenti su diversi aspetti legati alla mobilità, al verde pubblico, agli arredi urbani di questa importante e amata zona dalla città. Non trattandosi di un sondaggio, ma di un complesso processo partecipativo non ripetibile, abbiamo a disposizione dati e informazioni molto attendibili e utilissimi per le successive fasi di lavoro. È stata un'esperienza costruttiva di cittadinanza attiva”.

Lo afferma l’assessore alle Politiche del Territorio del Comune di Trieste, Michele Babuder, al termine della fase di ascolto inerente la Piattaforma partecipativa attivata il primo dicembre 2023 e conclusa il 15 gennaio 2024.

“Ora - continua Babuder - insieme agli Uffici raccoglieremo e classificheremo tutte le informazioni che ci sono pervenute, sia dalle domande del questionario a risposta multipla che da quelle aperte, per poi organizzare la successiva fase di restituzione, attraverso una conferenza stampa, delle risultanze pervenute dalla Piattaforma partecipativa. Strumenti come quello adottato sono fondamentali per la programmazione anche degli interventi di breve periodo”.

La fase di ascolto è stata caratterizzata sia dall’attivazione della Piattaforma partecipativa - con l’indicazione delle informazioni utili per poi procedere con la compilazione del questionario online anonimo e non ripetibile (al seguente link: https://piattaforma-partecipativa.online.trieste.it/) - sia dalla presenza fisica in diversi rioni di Trieste dell’Unità Mobile dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP), che era a disposizione per fornire le informazioni sul progetto; ha distribuito e raccolto i questionari in forma cartacea; fornito istruzioni per la compilazione online.

La Piattaforma partecipativa è stata consultata da 4.531 utenti, di cui 3.519 (circa il 78%) hanno iniziato il questionario senza terminarlo. Il questionario era caratterizzato da 33 punti, metà dei quali permettevano anche una risposta aperta. Online il questionario è stato completato da 2.372 utenti, a cui aggiungere gli 85 questionari cartacei consegnati all’unità mobile dell’URP, per un totale di 2.457 utenti. Il tempo medio per la compilazione del questionario è stato di 14 minuti e 56 secondi. Le fasce di età rappresentate sono state per l’11,8% tra i 15 ed i 30 anni; per il 45,1% dai 30 ai 50 anni; per il 43,2% sopra i 50 anni.

L’Unità Mobile dell’URP ha toccato varie zone della città come: Barcola, Viale XX Settembre, Piazza della Borsa, Campo San Giacomo, Piazza della Borsa, Via Paganini, Roiano, Borgo San Sergio, Piazza Cavana, Opicina.

Il progetto di riqualificazione per Barcola, che terrà conto delle indicazioni della cittadinanza emerse dalla piattaforma partecipativa, si fonda su tre elementi principali:

- La necessità prioritaria di proteggere e preservare la fascia costiera a causa dell’innalzamento progressivo del livello del mare e le concomitanti mareggiate sempre più frequenti e devastanti;

- Accrescere la bellezza e importanza storico-culturale di un luogo dalle grandi potenzialità che sino ad ora sono rimaste solo parzialmente espresse;

- La convergenza degli intenti istituzionali che hanno portato Comune e Regione a costituire un tavolo di lavoro e un affiatato team di progettisti che lavorano allo stesso progetto con competenze differenziate per giungere in tempi più rapidi al progetto di riqualificazione del lungomare, alla sua protezione e ridefinizione al fine di renderla maggiormente sicura, accessibile e fruibile.

Mentre gli obiettivi che si vogliono perseguire sono:

- Attivare una fase di ascolto e partecipazione con la cittadinanza e i portatori d’interesse.

- Difendere e ampliare la fascia costiera.

- Perseguire uno sviluppo sostenibile del progetto dal punto di vista ambientale ed economico.

- Incrementare i servizi ai cittadini e ai potenziali fruitori richiamati da flussi turistici.

- Promuovere la qualità dell’ambiente e del paesaggio.

- Incentivare la mobilità sostenibile.

“Sottolineo l'impegno - conclude l’assessore Babuder - di tutte le persone che, con la loro partecipazione a questo processo decisionale, hanno fornito un prezioso contributo per gli interventi che verranno fatti. Ringrazio anche per questo importante lavoro tutti i miei uffici, l’architetto Beatrice Micovilovich, la dottoressa Daniela Camerino, l’URP per la preziosa collaborazione “terrestre”, il Servizio Open Government e Informazione Istituzionale del Comune per aver progettato l’architettura di questo strumento partecipativo e MediaTechnologies per la parte tecnica”.

[home page] [lo staff] [meteo]